Autore Topic: Quattro battute almeno. E il tempo?  (Letto 1164 volte)

Offline kraus

  • Utente storico e geografico
  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 2026
    • Mostra profilo
    • E-mail
Quattro battute almeno. E il tempo?
« il: 27 Febbraio 2008, 10:01:46 »
E' noto che si ha plagio quando in due brani coincidono almeno 4 battute consecutive, dunque il limite da non oltrepassare per non incorrere nel suddetto reato è matematicamente stabilito. Premesso che la battuta è l'unità di misura del ritmo (per cui nel valzer, per esempio, quando accompagniamo la melodia dicendo "un due tre" contiamo una battuta, se diciamo "un due tre / un due tre" contiamo due battute e così via), 4 battute hanno una durata diversa a seconda che il tempo sia lento o veloce: per fare un altro esempio, 4 battute di "Finché la barca va" sono più rapide e durano meno (in secondi) di 4 battute di "Sei nell'anima". Inoltre i brani veloci contengono, nello stesso numero di battute, più note rispetto ai brani lenti, e sono più facili da ricordare perché l'orecchio deve durare meno fatica a tener dietro alla struttura melodica. Tant'è vero che si tende a canticchiare più spesso le melodie veloci.

Ne consegue che il plagio di un brano rapido è più evidente, significativo e facile da cogliere, e che 4 battute veloci "dicono più cose all'ascoltatore" di 4 battute lente: se le copi da "Finché la barca va" commetti un plagio ben più chiaro di quello che commetteresti copiandole da "Sei nell'anima", se non altro perché nel primo caso il numero di note in questione è più alto.

Dunque queste famose 4 battute - pur essendo un valore matematico e quindi preciso - non corrispondono affatto sempre allo stesso concetto né fanno lo stesso effetto sull'ascoltatore. E' un po' come se ogni canzone avesse la sua propria forza di gravità e il peso delle battute fosse conseguentemente diverso da un brano all'altro.

Mi rendo conto che è la faccenda non è affatto chiara, anzi è estremamente controversa, ma da una tesi errata (com'è pronbabilmente questa che ho tentato di esporre) possono nascere osservazioni e spunti più vicini alla realtà.


"La fatica in salita per me è poesia" (M. Pantani)
"A nde cheres de cozzula Jubanna? Si no t'hamus a dare pane lentu"

Tessera #1 del club "Rivogliamo l'icona col ciuccio"


Offline kraus

  • Utente storico e geografico
  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 2026
    • Mostra profilo
    • E-mail
Quattro battute almeno. E il tempo?
« Risposta #1 il: 03 Marzo 2008, 11:04:30 »
Okay. Vedo che le discussioni fervono sull'argomento: non immaginavo che avrei sollevato un polverone simile [:D]

"La fatica in salita per me è poesia" (M. Pantani)
"A nde cheres de cozzula Jubanna? Si no t'hamus a dare pane lentu"

Tessera #1 del club "Rivogliamo l'icona col ciuccio"


Offline c_d_m

  • UTENTE STORICO
  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 1985
  • A TRUE LEGEND NEVER DIES
    • Mostra profilo
    • http://www.plagimusicali.net/
    • E-mail
Quattro battute almeno. E il tempo?
« Risposta #2 il: 03 Marzo 2008, 12:07:21 »
Forse perchè se ne era già parlato...
Non in termini "tecnici",ma qualcosina era stata detta....[;)]
Carpe diem quam minimum credula postero

c_d_m