Autore Topic: Prime indiscrezioni sul cast dei Big  (Letto 5252 volte)

Offline Amministratore

  • Responsabile Forum
  • Amministratore
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 1623
    • Mostra profilo
    • http://www.plagimusicali.net
Prime indiscrezioni sul cast dei Big
« il: 18 Dicembre 2006, 17:19:46 »
Per Fiorella Mannoia è una manifestazione canora che sa di tv bulgara, per Alex Britti un’edizione «che sa di riciclo». Ma per i prossimi tre mesi in Italia si parlerà del festival di Sanremo.
Nel quarantennale della vittoria di Iva Zanicchi e Claudio Villa con «Non pensare a me» e del suicidio di Luigi Tenco, la rassegna ritrova Pippo Baudo che, come dice Jovanotti «fa apparire noi cantanti più belli, intelligenti e bravi di quello che in realtà siamo».
E fra i belli, bravi, e intelligenti quest’anno ci sarà con tutta probabilità Al Bano, grazie a una canzone scritta su testo di Renato Zero. Pippo gli avrebbe già detto di sì. E siccome è uomo di parola, quell’edizione di alto livello che aveva promesso accettando in estate la proposta di Raiuno comincia a prendere forma riservando sorprese, anche se parlando di questioni sanremesi l’utilizzo del condizionale è d’obbligo, visto che a norma di regolamento manca ancora un mese alla chiusura dei giochi.
Se i provini definitivi dei giovani sono stati già depositati, i big possono attendere fino al 22 dicembre per consegnare le loro registrazioni e i loro nomi verranno comunicati il 5 gennaio 2007.
Difficile però che Baudo riesca a dire di no ad Ornella Vanoni, intenzionata a rimettersi in gara otto anni dopo il duetto di «Alberi» con Enzo Gragnaniello. La signora si ritroverebbe con buona probabilità al fianco della strana coppia formata da Umberto Tozzi e Marco Masini che, nonostante il loro disco uscito le scorse settimane, sembrano volersi giocare la carta dellla rassegna canora così come Daniele Silvestri, disposto ad accettare solo se tra le canzoni del suo prossimo album riuscirà ad individuarne una forte come «Salirò».
Tra quelli con un piede nella riviera ligure, ci dovrebbero essere anche Morgan, senza Bluvertigo, e Irene Grandi, con una canzone scritta da Francesco Bianconi dei Baustelle.
Buone chance anche per Sergio Cammariere, che finora però ha presentato a Baudo solo una strofa del suo brano, ancora in gestazione. Forti le pressioni del direttore artistico su Mango, anche se convincerlo sarà tutt’altro che facile.
Meno complicate le trattative con gli Stadio, che hanno nei negozi un bel live rimasto ben sotto le aspettative di vendita, con Fabio Concato, con Ron, già vincitore nel ’96 con «Vorrei incontrarti fra cent’anni». Ma si parla anche di Patty Pravo, di Amedeo Minghi, di Loredana Berté, di Paolo Meneguzzi, di Massimo Di Cataldo e di Andrea Mingardi, forte degli otto brani regalati a Mina per il suo nuovo album «Bau».
Tra i giovani si sarebbero fatti avanti Mondo Marcio e Fabri Fibra, ma è difficile ch possano aspirare a un posto da big, così come i giovanissimi Finley proposti da Claudio Cecchetto. Se andrà in porto, come sembra, il progetto di trasformare la serata del venerdì in un galà della musica italiana, dedicato alla consegna dei Grammy dell’industria del disco, sono già sicuri (o quasi) i nomi di Laura Pausini, Renato Zero e Pooh.
Quanto agli ospiti, trattative in corso con Johnny Depp, Richard Gere e Penelope Cruz. Unica donna ad affiancare Baudo sarà Michelle Hunziker (come la odio!!!), mentre Chiambretti si accollerà il Dopofestival.
Rimane l’incognita del mio mito Fiorello. «Ci troviamo a parlarne molto spesso», assicura Baudo, rispolverando la sua vecchia idea di far esibire un comico a sera. In lizza Teocoli, Bisio, Ficarra e Picone «che sono i veri eredi - dice - di gente come Tognazzi, Vianello, Sordi».


Marco - plagimusicali.net