Autore Topic: Marasco e De André  (Letto 2093 volte)

Offline Matvej

  • Utente junior
  • **
  • Post: 62
    • Mostra profilo
    • E-mail
Marasco e De André
« il: 28 Febbraio 2007, 01:01:20 »
Salve, sono nuovo qui, ma vorrei un parere autorevole sull'inquietante somiglianza tra "L'alluvione" del cantore della fiorentinità Riccardo Marasco e "La guerra di Piero" del grande Fabrizio De André...

Ciao da Matteo



Offline Amministratore

  • Responsabile Forum
  • Amministratore
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 1623
    • Mostra profilo
    • http://www.plagimusicali.net
Marasco e De André
« Risposta #1 il: 24 Marzo 2007, 22:52:21 »
Ho avuto modo di ascoltare il pezzo di Marasco. Molto simile a quello di De Andrè. Vedrò di inserirlo nel sito.
Marco - plagimusicali.net

Offline Matvej

  • Utente junior
  • **
  • Post: 62
    • Mostra profilo
    • E-mail
Marasco e De André
« Risposta #2 il: 24 Marzo 2007, 23:33:45 »
Grazie del tuo interessamento. La questione ha sempre inquietato molti a Firenze, perché Marasco è considerato uno dei più grandi cantori della fiorentinità. E' autore di molti pezzi che si inseriscono nella più pura tradizione popolare, ma nel caso de "L'alluvione" non si sa se volesse ironizzare, parodiare... o semplicemente scopiazzare.

Offline gmenestr

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 1
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Marasco e De André
« Risposta #3 il: 08 Febbraio 2018, 14:53:27 »
Il plagio è abbastanza sicuro. In questo caso il grande Marasco pubblicò nel 1971 il testo, da lui adattato, donatogli dal goliarda di architettura Enrico Novelli, che iniziava con "Nuoti sospeso in un mare di cacca (...)" e termina con la quartina seguente, chiarissimo riferimento/parodia/omaggio a De André, la cui "Guerra di Piero" era uscita due anni prima e anche per il suo ritmo ben si prestava a parodie universitarie...
"Dormi sepolto in un mare di cacca / non sai se d'uomo oppure di vacca / e per congiura di tutte le sorti / nessuno mise il tuo nome tra i morti."
Ipotizzo che Marasco l'avesse sentita dal Novelli e altri goliardi non solo declamare ma proprio cantare sulla melodia di De André e abbia deciso di mantenerla molto simile (a parte la variante alla "Fratelli d'Italia". )
Il testo originale di Novelli era abbastanza più scurrile ("E mentre passi per via Calzaioli / trovi i cadaveri di bucaioli / trovi i cadaveri delle battone / tutte smerdate dall'alluvione" (...) "(...) attaccati al palo, non fare il pazzo / se non hai il palo, attaccati al *****" (...) "Non ti è concesso passare al Bargello / se non ti metti una vela all'uccello (...)
Non mi risulta che Marasco abbia mai riconosciuto né Novelli come autore del testo né De André come compositore (sicuramente non sulla copertina del vinile del '71), e mi dispiace un po'...