Autore Topic: Baustelle - Amen  (Letto 1790 volte)

Offline Dr. Michael Hfuhruhurr

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 15
    • Mostra profilo
    • E-mail
Baustelle - Amen
« il: 05 Maggio 2008, 21:15:04 »
Definito il disco dell'anno, Amen, dei Baustelle, è decisamente un album accattivante. I testi sono ammiccanti (a tratti depressofili, a tratti furbamente politicizzanti e moralisti, spesso fuori metrica, sempre privi di costruzioni linguistiche originali, ma con un necessario tocco d'arroganza), la musica è quanto meno di fantasioso si sia sentito negli ultimi tempi. Sarà perché al IV (?) disco le idee cominciano a scarseggiare e molti brani divengono quasi irriconoscibili nelle loro differenze, sarà che semplicemente l'originalità e l'estro non sono contrattabili con un ottimo sound.
La strumentazione dei brani è, già di suo, plagio. Sentiamo molto Battiato (ma anche nei testi) in diversi pezzi (spicca, ovvio, Colombo), si sente quel clima Bluvertigo tanto invano imitato da diversi artisti: persino la voce maschile ricorda nell'intonazione il ben più capace Morgan. Si sente molto di quel rock progressive alla CSI e CCCP, cosparso qua e là di New Trolls e PFM.
Ma il gruppo con cui sono più indebitati è, forse, quello poco conosciuto (non so dire se per fortuna o sfortuna) Indie-Rock che porta il nome di Blonde Redhead. Le influenze, benché evidentemente mai chiari plagi, sono ovunque, e soprattutto vengono dal loro ultimo disco, 23.

Baustelle - Il liberismo ha i giorni contati
http://it.youtube.com/watch?v=5AetpvPofB8
Blonde Redhead - 23
http://it.youtube.com/watch?v=a7FqUNlEdwA
(intorno ad 1:33 del video potrete notare una grande somiglianza anche nella melodia...però che orrore, la catastrofé è inevitabilé...non si capisce se stiano parlando italiano o greco classico" ).

Sempre ne Il liberismo ha i giorni contati non è difficile trovare, durante l'inciso, un accenno non molto celato (ed anche ingombrante) di Sarà perché ti amo.

Ricchi e poveri - Sarà perché ti amo
http://it.youtube.com/watch?v=yCvUOBGpk6Y

Palesi i riferimenti anche a Lee Hazlewood e Nancy Sinatra (Panico è Bang Bang, a detta degli stessi autori).
Charlie fa surf è la da sempre tanto discussa Sonata Kv 331 di Mozart, già fonte di ispirazione per Umberto Tozzi (Gli altri siamo noi) e direi anche per Francesco De Gregori (Cardiologia).

Baustelle - Charlie fa surf
http://it.youtube.com/watch?v=g0JlEbgJf8o
W.A. Mozart - Sonata Kv 331
http://it.youtube.com/watch?v=1qKjk1vm4mg

Trovo nel complesso, dunque, tale disco frutto di conoscenza musicale senza dubbio ampia. Un gruppo di emuli capaci di fare un brano in stile, una band decisamente affiatata che però si nutre di attacchi altrui e climax rubati spudoratamente (a tal proposito andatevi a riprendere anche Da A ad A, sempre di Morgan, e rendete giustizia ad un artista più evoluto).
Ma già Cin-Cin, dall'album La moda del lento, era chiaro plagio di Hors de la vie di tale Benjamin Biolay.


"A day without sunshine is like, you know, night."
Steve Martin


Offline kraus

  • Utente storico e geografico
  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 2026
    • Mostra profilo
    • E-mail
Baustelle - Amen
« Risposta #1 il: 05 Maggio 2008, 22:23:08 »
Bentornato Dottore! [:)]

Messaggio di Dr. Michael Hfuhruhurr

Charlie fa surf è la da sempre tanto discussa Sonata Kv 331 di Mozart, già fonte di ispirazione per Umberto Tozzi (Gli altri siamo noi) e direi anche per Francesco De Gregori (Cardiologia).


Accidenti, ho sentito "Charlie fa surf" parecchie volte e, pur essendo classicista accanito, non me ne sono mai accorto (e dire che avevo segnalato io per primo il plagio di Tozzi ai danni di Mozart rintracciabile nel nostro archivio)... In effetti il tema, per quanto ben diverso nell'atmosfera da quello della Sonata, ne riprende pressoché interamente le prime due frasi e poi se ne va allegramente per la sua strada. Cardiologia, invece, non la conosco.
"La fatica in salita per me è poesia" (M. Pantani)
"A nde cheres de cozzula Jubanna? Si no t'hamus a dare pane lentu"

Tessera #1 del club "Rivogliamo l'icona col ciuccio"


Offline Dr. Michael Hfuhruhurr

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 15
    • Mostra profilo
    • E-mail
Baustelle - Amen
« Risposta #2 il: 06 Maggio 2008, 12:20:14 »
Bentornato Dottore!

Grazie [^]
 
Cardiologia, invece, non la conosco.

Cardiologia (che puoi trovare qui: http://it.youtube.com/watch?v=ubnwQRrD8pY) in effetti ha solo qualche accenno, in realtà non riesco bene ad identificare quali riferimenti possa contenere il brano. Per il resto è la classica canzone di De Gregori...
"A day without sunshine is like, you know, night."
Steve Martin

Offline kraus

  • Utente storico e geografico
  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 2026
    • Mostra profilo
    • E-mail
Baustelle - Amen
« Risposta #3 il: 06 Maggio 2008, 17:07:01 »
Più che la Sonata K 331, Cardiologia ricorda più il tema di "Cristus vincit" cantato in chiesa [:)]
"La fatica in salita per me è poesia" (M. Pantani)
"A nde cheres de cozzula Jubanna? Si no t'hamus a dare pane lentu"

Tessera #1 del club "Rivogliamo l'icona col ciuccio"

Offline kraus

  • Utente storico e geografico
  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 2026
    • Mostra profilo
    • E-mail
Baustelle - Amen
« Risposta #4 il: 21 Maggio 2008, 16:13:36 »
Tra l'altro ho saputo che il tema della Sonata KV 331 dovrebbe essere tratto da un canto popolare tedesco (Germania del Sud, per la precisione) intitolato "Rechte Lebensart". Mozart infatti scriveva raramente variazioni su temi suoi: s'ispirava più spesso a melodie di suoi contemporanei (tra i più noti Gluck, Fischer, Salieri, Paisiello) o per l'appunto a canti popolari (l'inno olandese utilizzato prima di quello attuale, "La bergère Célimène", ecc.).

A cercare più in profondità, si scopre che la citazione del canto tedesco (il cui nome, tradotto, significa, "il vero galateo") non è casuale, perché Mozart, che scrisse la Sonata a Parigi, voleva in tal modo ironizzare sulle cattive maniere dei Francesi e mettere in luce la buona educazione dei Tedeschi. Partiamo da un intento satirico per arrivare a U. Tozzi e ai Baustelle, nome pure tedesco che significa "Cantiere"...
"La fatica in salita per me è poesia" (M. Pantani)
"A nde cheres de cozzula Jubanna? Si no t'hamus a dare pane lentu"

Tessera #1 del club "Rivogliamo l'icona col ciuccio"