Autore Topic: Ricette di cucina  (Letto 3249 volte)

Offline kraus

  • Utente storico e geografico
  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 2026
    • Mostra profilo
    • E-mail
Ricette di cucina
« il: 20 Settembre 2007, 16:26:36 »
Il meraviglioso mondo della zuppa di coccodrillo

D. Come si prepara la zuppa di coccodrillo?
R. Recatevi una domenica mattina nella palude più vicina e catturate un coccodrillo. Mettetelo in padella e cuocetelo a fuoco lento e servite dopo 15 minuti.  
 
D. Come si cattura un coccodrillo?
R. Quando lo vedete a due passi da voi, mettetevi a piangere a dirotto. E' l'unico metodo per disorientare un coccodrillo che, abituato a fregare la gente con le sue notorie lacrime, non sa assolutamente icche fare quando si trova di fronte uno che usa la sua stessa tattica. Vedendovi affranto, il coccodrillo vi chiederà cosa v'è successo e voi gli direte che siete usciti con la scusa di dover comprare le sigarette e quando siete tornati a casa vostra moglie non c'era più. Il coccodrillo, comprensivo, vi metterà una zampa sulla spalla e voi lo atterrerete con una mossa di judo. Una volta tramortitolo, caricatelo sul furgone diesel e tornate alla base.
 
D. Il coccodrillo è buono?
R. Come dicono dalle mie parti, è speciale. Lo dice pure la regazzina della pubblicità, perché non fidarsi?
 
D. Se mangio un coccodrillo, non è che poi c'è il rischio che l'ACI (ovvero la associazione della categoria omonima) mi denunci per coccodrillicidio?
R. Nessun problema, l'ACI è solo l'Automobile Club d'Italia, non l'Associazione dei Coccodrilli Italiani. Se volete proprio stare tranquilli catturate un coccodrillo straniero e così siete a posto.
 



"La fatica in salita per me è poesia" (M. Pantani)
"A nde cheres de cozzula Jubanna? Si no t'hamus a dare pane lentu"

Tessera #1 del club "Rivogliamo l'icona col ciuccio"


Offline c_d_m

  • UTENTE STORICO
  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 1985
  • A TRUE LEGEND NEVER DIES
    • Mostra profilo
    • http://www.plagimusicali.net/
    • E-mail
Ricette di cucina
« Risposta #1 il: 20 Settembre 2007, 16:35:52 »
Te c'hai dei problemi..
Ma grossi però...
Carpe diem quam minimum credula postero

c_d_m


Offline kraus

  • Utente storico e geografico
  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 2026
    • Mostra profilo
    • E-mail
Ricette di cucina
« Risposta #2 il: 20 Settembre 2007, 16:44:54 »
"La fatica in salita per me è poesia" (M. Pantani)
"A nde cheres de cozzula Jubanna? Si no t'hamus a dare pane lentu"

Tessera #1 del club "Rivogliamo l'icona col ciuccio"

chiaraluna

  • Visitatore
Ricette di cucina
« Risposta #3 il: 20 Settembre 2007, 23:52:44 »
kra ma tutte tu le trovi [:)][:)]

Offline kraus

  • Utente storico e geografico
  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 2026
    • Mostra profilo
    • E-mail
Ricette di cucina
« Risposta #4 il: 21 Settembre 2007, 00:21:15 »
chiaraluna ha scritto:

kra ma tutte tu le trovi [:)][:)]

Ciao Chiaraluna! Era da un po' che non ci si scriveva...
"La fatica in salita per me è poesia" (M. Pantani)
"A nde cheres de cozzula Jubanna? Si no t'hamus a dare pane lentu"

Tessera #1 del club "Rivogliamo l'icona col ciuccio"

chiaraluna

  • Visitatore
Ricette di cucina
« Risposta #5 il: 21 Settembre 2007, 17:30:19 »
[/quote]
Ciao Chiaraluna! Era da un po' che non ci si scriveva...
[/quote]
rimediamo subito kra iniziamo a riscriverci [:D]

Offline kraus

  • Utente storico e geografico
  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 2026
    • Mostra profilo
    • E-mail
Ricette di cucina
« Risposta #6 il: 12 Ottobre 2007, 12:04:59 »
Un'altra ricetta di nonno Kraus da Velletri...

Preparate una squisita crema di tonno pescato nei Mari dell’Ovest o acquistatela dal tonnivendolo. Successivamente munitevi di randello e cercate in giro uno scapolo un po’ attempato che colpirete a tradimento per poterlo trascinare direttamente in cucina. Ivi cospargetegli tutto il corpo con la crema che avrete lasciato a seccare per otto mesi minimo e tenetelo d’occhio: nel caso si risvegliasse, tortoratelo di nuovo a dovere e servitelo in tavola per la gioia degli assenti. Controindicazioni In genere lo zitello è aspro e parecchio inacidito, per cui raramente può piacere a tutti. Tuttavia, per chi ama questo genere di sapori, è raccomandabile aggiungere un tocco di panna acida prima di accostarsi a questa specialità. Avvertenze La redazione sconsiglia di mangiare i campi di calcio e di tramortire gli zitelli o chicchessia con randelli e altri corpi contundenti. È gradito l’abito scuro, astenersi se automuniti. Tutti i diritti riservati.
"La fatica in salita per me è poesia" (M. Pantani)
"A nde cheres de cozzula Jubanna? Si no t'hamus a dare pane lentu"

Tessera #1 del club "Rivogliamo l'icona col ciuccio"