Autore Topic: L'inno Delle Città Italiane  (Letto 3840 volte)

Offline Carlo

  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 3071
  • > BRINDISI <
    • Mostra profilo
    • www.plagimusicali.net
    • E-mail
L'inno Delle Città Italiane
« il: 23 Maggio 2009, 19:20:13 »
L'inno Delle Città Italiane

Postate il canto o la canzone più rappresentativa della vostra città,una sorta di Inno cittadino.
Non è difficile ritrovarlo sulla rete,io quello della mia città l'ho trovato,oltre al pezzo che reputo molto bello e diverso dai soliti canti somiglianti a quelli delle città o regioni limitrofe,un'occasione per fare un giro turistico per le città.

Brindisi - (Salento - Puglia)

Mannaggia Lu Rimu

Mannaggia Lu Rimu...mi Ricordu (canzone recente dedicata a "Mannaggia Lu Rimu" cantata da "Franco Zuccaro")

Avi n’ora ca sta spettu
(da un'ora che aspetto)
pi cce cosa tu no vieni,
(per che cosa tu non vieni)
la stà faci pì dispiettu,
(lo stai facendo per dispetto)
ma pirceni, ma pirceni?
(ma perchè,ma perchè)
a rrenta a rrenta a la banchina
(vicino vicino a la banchina)
vau vuiandu chianu chianu,
(vado vogando piano piano )
ma stà varca nò camina,
(ma questa barca non cammina)
no mi porta chiù luntanu!
(non mi porta più lontano)

    Mannaggia lu rimu
   (mannaggia il remo)
    no voli cu voia,
    (non vuole vogare)
    stasera di noia
    (questa sera di noia)
    mi faci murì
    (mi fà morire)
    ci s’aza lu vientu
    (se si alza il vento)
    mi sogghiu la vela,
    (sciolgo la vela)
    mi ssettu e cuntientu
    (mi siedo e contento)
    va cantu pi tè.
    (la canto per te)

Pi stu mari tutt’argientu
(per questo mare tutto d'argento)
vannu e vennu vapurrini
(vanno e vengono barche a motore)
e li varchi a cientu a cientu
(e le barche a cento a cento)
cu lampioni e cuncirtini.
(con lampioni e concertini)
vieni vieni bedda mia,
(vieni vieni bella mia)
sciamu a Sant’Apullinari,
(andiamo a Sant'Apollinare)
ca nce festa, ncè lligria,
(dove c'è festa e c'è allegria)
vieni nziemi a me a cantari
(vieni insieme a me a cantare)

    Mannaggia lu rimu
   (mannaggia il remo)
    no voli cu voia,
    (non vuole vogare)
    stasera di noia
    (questa sera di noia)
    mi faci murì
    (mi fà morire)
    ci s’aza lu vientu
    (se si alza il vento)
    mi tiru la vela,
    (mi tiro la vela)
    mi ssettu e cuntientu
    (mi siedo e contento)
    va cantu pi tè.
    (la canto per te)


Lu strumentu mia è stu cori
(lo strumento mio e questo cuore)
ca nisciunu lu ccumpagna,
(che nessuno lo accompagna)
a gne gioia, a gne dolori
(ogni gioia,ogni dolore)
sempri canta e mai si lagna
(sempre canta e mai si lagna)
sulu sulu mi cunzumu,
(solo solo mi consumo)
ardu comu nu cipponi,
(brucio come un tronco di vite)
tuttu fiamma e tuttu fumu
(tutto fiamma e tutto fumo)
sontu puru sti canzoni
(sono pure queste canzoni)

  Mannaggia lu rimu
   (mannaggia il remo)
    no voli cu voia,
    (non vuole vogare)
    stasera di noia
    (questa sera di noia)
    mi faci murì
    (mi fà morire)
    ci s’aza lu vientu
    (se si alza il vento)
    mi sogghiu la vela,
    (sciolgo la vela)
    mi ssettu e cuntentu
    (mi siedo e contento)
    va cantu pi tè.
    (la canto per te)

Testo tratto da I testi delle canzoni delle poesie e dei racconti celebri della tradizione Brindisina
« Ultima modifica: 19 Aprile 2016, 14:22:35 da Carlo »




Offline c_d_m

  • UTENTE STORICO
  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 1985
  • A TRUE LEGEND NEVER DIES
    • Mostra profilo
    • http://www.plagimusicali.net/
    • E-mail
L'inno Delle Città Italiane
« Risposta #1 il: 23 Maggio 2009, 21:07:51 »



Heheehehhehehehhh...[:D]
Carpe diem quam minimum credula postero

c_d_m


Offline Carlo

  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 3071
  • > BRINDISI <
    • Mostra profilo
    • www.plagimusicali.net
    • E-mail
L'inno Delle Città Italiane
« Risposta #2 il: 24 Maggio 2009, 21:34:00 »
Grazie Claudia,era un brano che mancava nel nostro archivio cover,già ricco di canzoni dedicate alla Capitale,al momento le cover ritrovate sono queste:

190x Anonimo - La società dei magnaccioni (primo interprete ed autore sconosciuto)
1960 Claudio Villa - La società dei magnaccioni
1969 Luisa & Gabriella - La Società Dei Magnaccioni
1970 Gabriella Ferri - La società dei magnaccioni
1984 Chikano - La società dei magnaccioni
1985 Renzo Arbore - La società dei magnaccioni
2006 Lando Fiorini - La società dei magnaccioni (credo che abbia inciso anche prima il brano,non trovo citazioni)


La società dei magnaccioni

Fatece largo che passamo noi,
li giovanotti de sta Roma bella,
semo ragazzi fatti cor pennello,
e le ragazze famo innamorà.
e le ragazze famo innamorà.

Ma che ce frega, ma che ce importa,
se l'oste ar vino c’ha messo l'acqua,
e noi je dimo, e noi je famo,
c’hai messo l'acqua, e nun te pagamo, ma però,
noi semo quelli, che jarisponnemo n’coro,
è mejo er vino de li Castelli
che de sta zozza società.

Ce piacciono li polli, l'abbacchi e le galline,
perchè so senza spine,
nun so come er baccalà.
La società de li magnaccioni,
la società de la gioventù,
a noi ce piace de magna' e beve,
e nun ce piace de lavora'.

Osteee!!

Portace n'artro litro,
che noi se lo bevemo,
e poi ja risponnemo
embe', embe', che c'è?

E quando er vino, embe',
ciariva ar gozzo, embe',
ar gargarozzo, embe',
ce fa n’ficozzo, embe'.

Pe falla corta, per falla breve,
mio caro oste portace da beve,
da beve, da beve, zan zan.

Ma si per caso la socera more
se famo du spaghetti amatriciana,
se famo un par de litri a mille gradi,
s'ambriacamo e n’ce pensamo più
s'ambriacamo e n’ce pensamo più.

Che ciarifrega, che ciarimporta,
se l'oste ar vino c’ha messo l'acqua,
e noi je dimo, e noi je famo,
c’hai messo l'acqua, e nun te pagamo, ma però,
noi semo quelli, che jarisponnemo n’coro,
è mejo er vino de li Castelli
che de sta zozza società.

È mejo er vino de li Castelli
che de sta zozza società parapappappa’



Se po fa' nu gemellaggio, anche perchè Brindisi è stata Capitale D'Italia, oltre ad essere stata nell'antica Roma il "Porto Orientale di Roma" (ai brindisini fu riconosciuta la cittadinanza romana), due strade antiche come la Via Appia, che termina nel porto di Brindisi ai piedi delle colonne terminali della via Appia e la via Traiana che collegavano Roma a Brindisi.
« Ultima modifica: 19 Aprile 2016, 14:34:42 da Carlo »

Offline Carlo

  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 3071
  • > BRINDISI <
    • Mostra profilo
    • www.plagimusicali.net
    • E-mail
L'inno Delle Città Italiane
« Risposta #3 il: 26 Maggio 2009, 19:08:41 »
In attesa che qualcuno posti, divertitevi con dei proverbi in vernacolo, includo la traduzione, altrimenti sarebbe difficile capirne il significato.


Femmini, cavaddi, sciuecu e sirvituri rruvinunu li signori
(donne cavalli,gioco e servitori rovinano i signori)

Lu saccu taccatu, no si sapi cce porta
(il sacco legato,non si sa cosa contiene)

Addò no ssi chiamatu, comu ciucciu si trattatu
(dove non sei richiesto,come un asino sarai trattato)

Lu difficili non eti cu cati a mari, ma cu ti 'ndissi
(difficile non è il cadere in mare,ma uscirne fuori)

Picca mangiari e picca parlari, no faci mai mali
(mangiare poco e parlare poco,non fa mai male)

Femmini, ciucci e nuci volunu li mani tuesti
(Donne asini e noci vogliono le mani dure)

Ci è figghia ti jatta ava pigghiari surgi
(se è figlia di un gatto deve prendere topi)

Ci fatia nà sarda, ci nò fatia nà sarda e menza
(chi lavora una sarda,chi non lavora una sarda e mezza)

L'anima a Ddiu e la rrobba a ci tocca
(L'anima a Dio e le cose a chi toccano)

Lu tiaulu nò teni pecuri e vendi lana
(il diavolo non ha pecore e vende la lana)
  
Lu matrimoniu è comu riesci, nò comu si faci
(il matrimonio è come riesce,no come si fa)

Ci spera cu ricchesci 'ntra n'annu, mpuveresci ntra nu mesi
(chi spera di arricchirsi in un anno,impoverisce in un mese)

No sulu ci chianta favi mangia unguli
(non solo chi pianta semi di fave mangia le fave fresche)

Tre sò li putienti: lu Papa, lu rrei e ci nò teni nienti
(tre sono i potenti: il papa,il re e chi non ha niente)

Quandu zappi e quando puti, nò si vedunu niputi
(quando zappi e quando poti,non si vedono i nipoti)

La furtuna quandu ti voli, ti veni a trova
(la fortuna quando ti vuole,ti viene a cercare)

Ci sputa an cielu, 'nfacci li vai
(chi sputa in cielo,in faccia li cade)

Quandu essi l'uva e la fica, lu muloni si và mpica
(quando arrivano l'uva e le fiche,l'anguria si va ad impiccare)

Monti cu monti nò si contrunu mai, omu cu omu, ci nò osci, crai
(monti con monti non si incontrono mai,uomini con uomini,se non oggi,domani)

A casa ti latri non ci sciri a rubbari
(a casa del ladro non andare a rubare)

La femmina si canosci alla lengua e lu bovi alli corni
(la donna si riconosce dalla lingua e il toro dalle corna)

L'amori no si ccatta allu marcatu
(l'amore non si compra al mercato)

E' megghiu malatu ca muertu
(meglio malati che morti)

Cu lu picca si campa, cu lu nienti si mori
(con il poco si vive, con il niente si muore)

Si canosci prima nu busciardu di nu zueppu
(si riconosce prima il bugiardo da uno zoppo)

A ci no voli, li uecchi di fori
(a chi non vuole, gli occhi di fuori)

Lu sparagnu è mienzu guadagnu
(il risparmio è mezzo guadagno)


Tratto da I testi delle canzoni delle poesie e dei racconti celebri della tradizione Brindisina

« Ultima modifica: 02 Gennaio 2014, 19:36:45 da Carlo »

Offline Carlo

  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 3071
  • > BRINDISI <
    • Mostra profilo
    • www.plagimusicali.net
    • E-mail
L'inno Delle Città Italiane
« Risposta #4 il: 17 Luglio 2009, 15:09:39 »
Allego qualche titolo famoso,anche se molte di esse richiamano intere regioni o addirittura parte dell'italia (Sud-Centro-Nord).Visto la difficoltà nel reperire informazioni sui brani popolari o tradizionali italiani,sono ben accette delle info a riguardo.

19xx Pizzica Pizzica (Tarantella) Brindisina
190x (Anonimo ) - La Società dei magnaccioni  
1788 Johann Simon Mayr - La biondina in gondoleta
1938 Odoardo Spadaro - La porti un bacione a Firenze
190x (Anonimo ) - Calabrisella mia (Calavrisella)
190x (Anonimo ) - Ciuri ciuri
1939 Narciso Parigi - Firenze sogna
1880 Peppino Turco - Luigi Denza) - Funiculì funiculà
190x (Anonimo ) - Lu Limone
1935 Giovanni D'Anzi - Madonina (O Mia Bela Madunina)
1926 Alfredo Del Pelo - Nannì ('Na gita a li castelli)
190x (Anonimo ) - Polenta e baccalà
1963 Giorgio Gaber - Porta Romana
1954 Secondo Casadei - Casetta mia (Romagna mia)
1860 (Anonimo) - Vitti 'na crozza
1908 Albanese-Dommarco - Vola vola
1915 Giuseppe Godono - O'Surdato 'nnammurato
170x (Anonimo) - Quant'è bello lu Primmo ammore
1650 (Anonimo) - Quanno nascette Ninno (diventerà Tu Scendi Dalle Stelle)
1949 Sergio Ponalini & Radio Boys - Ciao Turin
1849 (Anonimo) - Lo Cardillo 'nnammorato
1928 Paolo Citorello  C'la la luna miezz'o mare
19xx Marietta monta in gondola
19xx (Anonimo ) - La Valdostana
19xx Balla la tirolese  
19xx Dove ti va Ninetta
19xx Verde Sardegna
19xx Piemontesina
19xx El Tram de Opcina
19xx Ma se ghe pensu
19xx Zi' Nico
19xx Quanno nascesti tune
19xx Marietta monta in gondola
« Ultima modifica: 09 Dicembre 2012, 18:29:49 da Carlo »