Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Definizione di "Plagio" musicale PDF Stampa E-mail

Il "Plagio" si materializza nella riproduzione totale o parziale, da parte di un autore che fa passare per propria un'opera frutto del lavoro altrui.

Quando una persona si appropria di elementi rappresentativi e creativi di un'opera per introdurli in un'altra opera sotto il proprio nome, ci troviamo in presenza di una contraffazione qualificata e aggravata, ossia di una riproduzione abusiva di un'opera altrui con appropriazione di paternità (L. n. 633 del 1941). Appunto, si ha un Plagio.
Tuttavia, per legge, l'opera simile all'originale, per essere realmente definita plagio, deve suscitare nell'ascoltatore le stesse emozioni dell'originale. Tutto questo, sembrerebbe lasciare uno spiraglio agli utilizzi di tipo citazionistico, perché i frammenti usati non hanno più nulla in comune con i brani iniziali.

 

Sappiamo benissimo che abbiamo sette note nel pentagramma e considerandole da sole, e cioè senza le loro variazioni, è difficile non risultare ripetitivi o scarsi nel lavorare con la fantasia, perchè non bisogna dimenticare che la musica si basa anche sulla matematica e che il numero di combinazioni di queste sette note non è infinito, per questo prima di lanciare l’allarme di plagio è bene tener d'occhio il tema, l’atmosfera e l'elaborazione di un brano.

A tutt'oggi, la giurisprudenza è incerta se siano sufficienti 4 o 8 battute per definire un plagio. In Italia ciò non ha rilevanza specifica, ma altri sono i criteri da valutare. Ciò nonostante, spesso, per classificare come plagio una canzone, basta che nell'ascoltatore essa susciti il riconoscimento di un pezzo antecedente al brano ipotizzato essere un plagio. A tal punto, il giudice nomina un CTU (consulente tecnico d'ufficio) per redigere una perizia giurata, ed al quale viene proposto l'ascolto dei due brani (l'originale e l'eventuale plagio). Se il giudice riconosce le ragioni dell'attore (colui che intraprende l'azione legale), l'autore del plagio rischia il ritiro del pezzo dal mercato con sanzioni salatissime, oppure che gli introiti vengano devoluti all'autore originale.

Le ipotesi di elaborazione o di variazione ci aiutano ad individuare il plagio. Se l'elaborazione di un brano risulta essere non creativo ma imitativo di un’opera altrui, siamo dinanzi a un "plagio parziale".

 

Inoltre, è importante saper riconoscere il "plagio" da una "somiglianza" oppure da una "cover".
Tra due canzoni si può riconoscere il plagio se la cadenza della traccia solista sulla struttura degli accordi è "uguale" o "molto simile", senza tralasciare il fatto che anche la melodia o l'arrangiamento possono essere uguali. Il plagio di una composizione musicale può riguardare anche una parte della composizione stessa. Anche un motivo non del tutto banale presente nel ritornello di una canzone può formare oggetto di plagio quando sia stato ripreso con particolare insistenza e risalto.

Diversi sono i casi in cui anche grandi nomi della musica nazionale e internazionale si sono trovati davanti all'ipotesi di plagio, e la magistratura si sta avvalendo di esperti del settore (tra i quali Ennio Morricone), perchè si deve pensare che il plagio non è solo un problema "musicale", ma si estende a tutte le arti.

 

A tal proposito, si segnala un libro di Michele Bovi (giornalista del tg2 che da sempre si è occupato di plagi o presunti) dell’Auditorium Edizioni:
"ANCHE MOZART COPIAVA".

 

Il grande Ennio Morricone dice:
*"La musica orecchiabile, proprio perché tale, assomiglia a qualche cosa già scritta, già proposta alla gente. Se non fosse stata udita non avrebbe successo. Se un autore vuole davvero creare qualcosa di originale deve attingere a parametri inadatti alla musica leggera il cui prodotto e' una canzonetta, a volte dilettantesca, a volte infantile, sempre destinata ad un successo stagionale. La mia posizione morale e musicale e' che chi ha coscienza di questa professione, pertanto della orecchiabilità forzata di queste canzoni che hanno vita breve, dovrebbe astenersi dal fare cause e controcause per plagi indimostrabili e disturbare i giudici per queste cose".

* tratto dal libro “Anche Mozart copiava” di Michele Bovi.

>>> VAI ALL'ARCHIVIO DEI PLAGI MUSICALI <<<

 

Statistiche

Visitatori:
mod_vvisit_counterOggi19
mod_vvisit_counterIeri240
mod_vvisit_counterQuesta settimana1168
mod_vvisit_counterLa scorsa settimana1965
mod_vvisit_counterQuesto mese6743
mod_vvisit_counterLo scorso mese8920
mod_vvisit_counterDall'inizio927125

Online (20 minuti fa): 3
Il tuo IP: 50.19.144.243
,
25 Apr 2014

Login

solo per amministratori